Sì all’ingresso nei cimiteri comunali di Porto Torres dei fiorai e dei marmisti, su richiesta dei familiari, per la manutenzione dei loculi, la deposizione di lapidi o di fiori. Lo ha previsto la nuova ordinanza del sindaco Sean Wheeler.

Il sindaco ha così accolto la richiesta arrivata dai fiorai della città e dei marmisti, che avevano manifestato la volontà di poter continuare il proprio lavoro e soddisfare le richieste dei familiari. L’ordinanza prevede che l’accesso sarà consentito ai fiorai e marmisti che faranno regolare richiesta per conto e a nome dei familiari o parenti dei defunti tumulati nei due cimiteri cittadini. L’accesso sarà consentito il mercoledì per i marmisti e il venerdì per i fiorai, tra le 9 e le 12. In ogni caso, per ogni cimitero, non potranno essere presenti oltre tre ditte e per un massimo di due addetti ciascuna. 

I cittadini che volessero deporre dei fiori o apporre lapidi sulla tomba dei propri cari defunti, potranno prenotare il servizio presso il proprio fioraio o marmista di fiducia. A loro volta, queste due categorie professionali dovranno compilare l’istanza, pubblicata nella sezione Avvisi e scadenze nella pagina web del Comune, e inoltrarla all’ufficio gestione cimiteri e polizia mortuaria alla mail pec ambiente@pec.comune.porto-torres.ss.it.

«Abbiamo così voluto accogliere la richiesta dei fiorai e dei marmisti e consentire loro di poter lavorare – spiega il sindaco Sean Wheeler – crediamo infatti sia importante consentire alle attività produttive, anche se in modo diverso rispetto a prima e garantendo tutte le regole di sicurezza, di poter proseguire la loro attività. L’accesso ai cimiteri, per adesso, non sarà consentito ai cittadini, ma ci auguriamo di poterlo fare presto, in virtù di possibili miglioramenti della situazione sanitaria e di un allentamento delle regole nazionali e regionali».