Aperto a Cagliari lo Sportello Metropolitano di Lingua e Cultura Sarda “Totus Impari Po Su Sardu”, finanziato dalla Regione Sardegna in base alla L.482/1999 e alla L.R. 6/2012, per la tutela delle minoranze linguistiche.

Lo Sportello è gestito dalla Città Metropolitana di Cagliari, in qualità di ente capofila, insieme ai Comuni di Cagliari, Quartu Sant’Elena, Selargius, Assemini, Capoterra, Sestu, Monserrato, Sinnai, Quartucciu, Decimomannu, Elmas, Maracalagonis, Pula, Sarroch, Uta, Villa S. Pietro.

La lingua rappresenta un marcatore forte dei caratteri identitari e nelle azioni dell’amministrazione comunale riveste un interesse centrale, per portare avanti azioni di intervento che poggino sui fondamenti dell’autonomia concreta e della specialità di popolo. Grazie alle azioni dello Sportello sarà possibile rivolgersi al pubblico in lingua sarda, coadiuvando le attività delle assemblee amministrative e consiliari e collaborando con enti, scuole e associazioni per una maggiore sensibilizzazione e conoscenza della lingua sarda.

Lo Sportello linguistico si occuperà inoltre di formazione linguistica e attività di animazione culturale locale, di tradurre gli atti amministrativi in lingua sarda e svolgere attività di comunicazione con il pubblico.

Il servizio sarà operativo in smart working fino alla riapertura al pubblico degli spazi del Sistema Bibliotecario Cittadino:

  • lunedì mattina dalle 9 alle 13;
  • venerdì pomeriggio dalle 15 alle 19:30.

Le attività verranno pubblicizzate attraverso il sito del Comune di Cagliari e la pagina Facebook dell’Archivio Storico della Biblioteche di Cagliari.

Contatti: email sportellolinguasarda2@gmail.com.

S’assessora a sa Cultura, Spetàculu e Birdi Pùbbricu de su Comunu de Casteddu, Paola Piroddi, comunicat s’abertura de su Sportellu Metropolitanu de Lìngua e Cultura Sarda “Totus Impari po su sardu”, finantziadu de sa Regioni Sardìnnia cunforma a sa L. 482/1999 e sa L.R. 6/2012, po s’amparu de is minorias linguìsticas.

Su sportellu est a incuru de sa Tzitadi Metropolitana de Casteddu, in calidadi de enti cabufila, e de is Comunus de Casteddu, Quartu Sant’Aleni, Ceraxius, Assèmini, Cabuderra, Sestu, Pauli, Sìnnia, Quartùciu, Dèximu Mannu, Su Masu, Maracalagonis, Pula, Sarroch, Uda, Santu Perdu.

Sa lìngua est unu marcadori forti de is caràtiris identitàrius e in is atzionis de s’amministratzioni comunali est de interessu tzentrali, po portari a innantis fainas de interventu chi siant acapiadas a is fundamentus de s’autonomia cuncreta e de sa spetzifitzidadi de is sardus.

Gràtzias a is fainas de su sportellu s’at a pòdiri fueddari cun su pùbbricu in lìngua sarda, agiudari is atividadis de is assembleas amministrativas e cunsiliaris e traballari cun entis, iscolas e assòtzius po ammanniari s’interessu e sa connoscèntzia de sa lìngua sarda.

Su sportellu linguìsticu, in prus, at a traballari po sa formatzioni linguìstica e at a fàiri atividadis de animatzioni culturali locali, furriaduras de àutus amministrativus in lìngua sarda e atividadi de comunicatzioni cun su pùbblicu.

Su servìtziu at a traballari in smart working fintzas a candu non ant a torrari a abèrriri a su pùbbricu is bibliotecas de su Sistema Bibliotecàriu Tzitadinu:

  • lunis a mangianu, de is 9 a is 13;
  • cenàbura a meria, de is 14 a is 19,30.

Is atividadis ant a èssiri pubbricadas in su situ de su Comunu de Casteddu e in sa pàgina Facebook de s’Archìviu Stòricu de sa Biblioteca de Casteddu.

Cuntatus email sportellolinguasarda2@gmail.com.