Bilanciano il diritto alla socialità con il contenimento del rischio di contagio epidemiologico da Covid-19. Ma soprattutto, i parchi cittadini sono luoghi del cuore di Cagliari, capaci di fondere insieme bellezza e conoscenza, con percorsi sportivi, animali, punto ristoro e tanto verde costellato d’arte e monumenti, non sono naturalistici.

È stata presentata ieri “Vivi il Parco”, la cinque giorni (6, 13, 20, 27 e 30 dicembre 2020) di escursioni, reading multimediali e letterari, piantumazione d’alberi, allestimento aiuole, esposizioni d’arte, passeggiate naturalistiche, laboratori, rievocazioni storiche, mostre di cani e gatti, sport, conferenze e giochi, tra Giardini Pubblici, Parco Ex Vetreria (Pirri), Parco della Musica, Parco di Terramaini e Parco di San Michele.

Vivi il Parco – ha sottolineato Paola Piroddi, assessora al Verde pubblico incontrando i giornalisti nella splendida cornice della Passeggiata Coperta del Bastione di Saint Remy – è una manifestazione che ha richiesto uno sforzo straordinario da parte degli uffici, sia nella fase organizzativa che nella fase di preparazione con numerosi interventi di manutenzione delle numerose e pregevoli aree verdi comunali”. Importante la collaborazione con Regione e Fondazione di Sardegna, e il fattivo contributo dell’associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo e del Touring Club Italiano – Sardegna, presenti ciascuna con un proprio rappresentante, all’incontro con la stampa.

Il programma (link) “destinato ad adulti e bambini, famiglie, amanti della natura, appassionati di passeggiate, sostenitori del turismo sostenibile e del verde, amanti degli animali – ha aggiunto l’assessora Piroddi – rientra nell’ambito delle manifestazioni della candidatura del Comune al concorso della Commissione Europea denominato “European Green Capital 2023”, titolo conferito ogni anno a una città europea per il suo impegno a favore della sostenibilità ambientale”.

E a partire da domenica 6, sino al 30 dicembre, “Vivi il Parco” toccherà cinque aree verdi Cagliari: Giardini Pubblici, Parco Ex Vetreria (Pirri), Parco della Musica, Parco di Terramaini e Parco di San Michele. “Tanti quanti le dita di una mano”, ha detto il consigliere Marcello Polastri. “la mano tesa alla città per avvicinare ancora di più i cittadini ai suoi preziosi parchi”.

Tutte le attività saranno realizzate nel rispetto delle procedure di prevenzione anti Covid, hanno assicurato gli organizzatori. Per questo, si svolgeranno in modo individuale, non prevedono il contatto diretto fra le persone e verranno condotte nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale, grazie anche all’aiuto della tecnologia, QR Code e i telefonini personali che sapranno raccontare la storia dei parchi.

Nel corso della manifestazione saranno realizzate altre 30 casette per i gatti”, ha concluso l’esponente dell’Esecutivo Truzzu. “Il benessere degli animali è tra le priorità dell’Amministrazione comunale che prossimamente potrà disporre di un nuovo veterinario”. Allo studio anche la somministrazione di antiparassitari nelle colonie feline cittadine.

All’incontro di ieri mattina, anche l’agronomo Claudio Papoff. Iniziati quasi in concomitanza con la recente Giornata nazionale degli alberi (21 novembre 2020), “il Comune – ha spiegato il dirigente comunale – sta portando avanti diversi interventi di messa a dimora di alberi nelle scuole, nelle aree verdi e nei parchi. In tutto saranno circa 3.000”. Intanto, procedono le attività per completare il Parco degli Anelli nel quartiere Sant’Elia, una sorta di terrazza verde sul mare di circa 15 ettari.