I motivi che possono spingere le persone ad abbandonare la pigrizia in favore dell’esercizio fisico sono i più innumerevoli, dal recupero di un infortunio articolare al dover ridurre il livello di colesterolo nel sangue, oppure il bisogno di sconfiggere l’obesità. Quello che è certo è che l’attenzione alla forma è in aumento, non solamente per essere più attraenti.

Sempre di più sono anche coloro che scelgono di attrezzare una palestra in casa, per avere sempre a disposizione ciò che serve l’allenamento in totale sicurezza. Una tendenza che l’arrivo della pandemia ha accelerato di qualche anno.

I classici pesanti attrezzi da fitness sono sempre più qualcosa di superato, si potrebbe dire quasi vintage. Il futuro sono le attrezzature da palestra smart, iperconnesse e intrise di tecnologia. È un cambiamento di rotta che continua a seguire con grande successo l’azienda newyorkese Peloton, che già poco tempo fa aveva spopolato con la sua costosa cyclette intelligente, che propone al mercato il suo nuovo prodotto per “un’esperienza a 360°”.

Stiamo parlando di JaxJox, una soluzione per il fitness indoor che si presenta come palestre del futuro per l’incredibile concentrato di hardware e software per un’esperienza atletica a tutto tondo. La sua configurazione completa include una tv con touchscreen da 43 pollici, un set di attrezzi smart coordinati: DumbbellConnect (pesi e pressa), KettlebellConnect (il kettlebell intelligente che incorpora il giroscopio, l’accelerometro e cinque differenti pesi che sono in grado di connettersi tramite un avanzato sistema di bloccaggio automatico) e Push UpConnect.

La società identifica il vantaggio competitivo di questo “strumento tutto in uno” nella sua avanzatissima intelligenza artificiale, che sarebbe la migliore del mercato nel monitoraggio delle performance atletiche anche fuori casa. Il vero punto di forza sta proprio nel software sviluppato per il monitoraggio della forza, riuscendo a comprendere anche quanto hanno influito gli esercizi svolti all’aria aperta senza gli attrezzi inclusi in JaxJox.

Andrea Bellini di Healthspring, sito Web che si occupa di benessere e nutrizione, commenta così: “L’assenza di personal trainer trova una valida alternativa in questo tipo di monitoraggio, che mantiene ugualmente alto l’entusiasmo. Un’ulteriore spinta viene dai risultati ancora più rapidi con una dieta proteica, accompagnata da bevande proteiche a base di proteine della caseina a lento assorbimento, utili anche per il recupero, o proteine del siero del latte per un’integrazione più veloce durante la giornata”.

In ogni caso chi acquista JaxJox non viene lasciato solo, perché con la sottoscrizione dell’abbonamento mensile ha accesso a una varietà di video di fitness coaching, che vanno a completare la possibilità di personalizzazione interattiva e intelligente degli allenamenti. Poter contare su un monitoraggio costante e questo tipo di contenuti incoraggia a proseguire l’esercizio, portando il fisico a secernere sostanze benefiche (le più importanti sono le endorfine) sia per la mente che per il funzionamento del corpo stesso.

Sarà interessante vedere come le aziende del settore fitness sapranno cavalcare l’onda della cura della propria condizione psico-fisica per spodestare poco a poco il ruolo delle palestre, faticosamente guadagnato anche grazie alle campagne pubbliche di sensibilizzazione per importanza del movimento.