Raccontare la città di Cagliari attraverso un grande laboratorio radiofonico dedicato alla letteratura sarda: sono queste le coordinate del festival “Dal testo alla voce”, organizzato da Unica Radio in scena nella città di Cagliari dal 1° al 7 dicembre.

Cinque docenti per cinque laboratori aperti a trentatré radio nazionali aderenti al circuito RadUni ospiteranno attraverso la piattaforma Zoom ottanta partecipanti suddivisi in sei gruppi tematici.

Luciano Marongiu

A guidare i laboratori di dizione, drammaturgia, drammaturgia comica, uso della voce e regia del radiodramma un team di professionisti composto da Michela Atzeni, Nunzio Caponio, Francesca Falchi, Cristina Maccioni e Luciano Marongiu.

“Dal testo alla voce” nasce dalla volontà di narrare la storia del capoluogo sardo coinvolgendo direttamente il tessuto sociale, partendo dalle scuole e dall’Università e che abbia come fondamento la letteratura di autori sardi che hanno ambientato i propri testi nella città di Cagliari.

Michela Atzeni

La radio diventa strumento di condivisione, conoscenza e partecipazione attiva con l’obbiettivo di mettere in piedi un laboratorio radiofonico letterario partecipato partendo dal testo di un romanzo, mostrando e raccontando come si lavora al suo adattamento per la radio, permettendo ai suoi protagonisti di prendere vita grazie alla voce dei partecipanti, che contribuiranno concretamente alla nascita di un audiolibro.

Il festival permetterà la nascita di un gruppo di lettura espressiva che si occuperà di dare voce alle parole, contribuendo alla partecipazione attiva e diretta della cittadinanza. Verranno coinvolti studenti giovani ragazzi delle scuole superiori, universitari e i giovani aderenti al Servizio Volontario Europeo (SVE).

Per informazioni e iscrizioni è possibile consultare il sito: www.unicaradio.it/festival/iscriviti/ mentre il calendario con tutti gli appuntamenti è consultabile cliccando su questo link.

Nunzio Caponio

Lo strumento radiofonico è nella sua immediatezza e pervasività un mezzo di comunicazione di massa ancora oggi tra i più diffusi e amati in Italia e si trova a rispondere alle mutate esigenze del pubblico puntando su nuove tecnologie. Unica Radio, da sempre attenta all’ambiente e al proprio territorio, diffonde il proprio segnale in Sardegna sulla rete DAB+ e sul web.

Unica Radio, webradio degli studenti dell’Università di Cagliari è figlia di un progetto universitario nato nel 2007, finanziato attraverso i fondi dedicati alle attività culturali dell’Università di Cagliari e il fondo regionale dell’ERSU Cagliari. L’emittente è una realtà che coinvolge gli studenti e il territorio con partecipazione e numeri in costante crescita.

Francesca Falchi

Negli anni ha attivato diverse collaborazioni con emittenti nazionali tra le quali LA7, RAI, Radio Rai, m2o, Gruppo Editoriale L’Espresso e con associazioni no profit universitarie. Il suo obiettivo principale è rivolto alla promozione di cultura, eventi e informazione. Porta avanti le passioni degli studenti, ne valorizza le attitudini ed evidenzia le innovazioni del presente. Unica Radio si caratterizza come una emittente sociale: sfrutta la rete e la tecnologia per comunicare con gli studenti e con i giovani.

La stazione radio è sempre presente negli eventi culturali e nelle manifestazioni del territorio. Unica Radio ha diretto tecnicamente il World College Radio Day, giornata mondiale delle radio universitarie coordinando la regia mondiale. Ha ricevuto per l’impegno e la valenza tecnica il ringraziamento dell’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L’emittente è testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari, partecipa al progetto Europeo Europhonica all’interno del Parlamento di Strasburgo e di Bruxelles promosso dall’Associazione Raduni.  Unica Radio è la prima radio universitaria in Italia a trasmettere in DAB+ e a diffondere i suoi contenuti attraverso le principali piattaforme di streaming (Spotify, Google Music su tutte).

Cristina Maccioni